Blog

Indietro

Le regole del web erano già scritte da più di 50 anni

scritto il 03/11/2010

In questi giorni mi è capitato fra le mani un libro “Confessioni di un pubblicitario” scritto alla fine degli anni 50 da David Ogilvy. Viene definito un classico, forse per questo ancora attualissimo, l’autore racconta la sua vita di pubblicitario con aneddoti curiosi ed utilissimi. Sono rimasto incuriosito da molti argomenti contenuti nel libro, di cui consiglio la lettura a tutti quelli che si avvicinano al mondo della comunicazione e della pubblicità.
Incredibile è l’analogia tra i più recenti testi sulla scrittura per il web e “le regole per scrivere un annuncio pubblicitario” proposte da Ogilvy.

Qui di seguito ne riporterò alcuni esempi presi direttamente dal libro:

1) Un sottotitolo di due o tre righe, piazzato strategicamente tra la headline e la body copy, aumenterà l'appetito del lettore invogliandolo a leggere tutto il testo.
...
3) La frase iniziale non dovrebbe mai superare le 11 parole.
Infatti, se si attacca con una frase molto lunga, il lettore potrebbe venir indotto a voltar pagina. Tutte le frasi dovrebbero essere il più brevi possibili: le frasi lunghe stancano.

4) Dopo i primi 40 o 50 millimetri di testo e' opportuno cominciare ad inserire dei sottotitoli. Alcuni potranno essere seguiti dal punto interrogativo, cosa che dovrebbe invogliare il lettore a continuare a leggere. Un sequenza ben calibrata di sottotitoli in neretto può riuscire a comunicare il succo di tutto il testo a quei lettori che vanno di fretta o che sono troppo pigri per leggerlo fino in fondo.

5) Il testo va disposto in colonne non più larghe di 40 battute. La stragrande maggioranza della gente e' abituata a leggere i quotidiani che usano colonne di circa 26 battute.
...
8) Quand'ero ragazzo era di moda scrivere i testi "a blocchetto". Poi si e' scoperto che un testo "a bandiera" favoriva la leggibilità.

La conclusione potrebbe essere di pensare che i contenuti su internet, seguono quelle regole che venivano già applicate per fare una buona comunicazione più di mezzo secolo fa. Ricordiamoci quindi ogni tanto di rifarci al passato per essere sempre aggiornati.

Vi consiglio quindi se non l'avete già , di acquistare il libro o farvelo prestare.

Titolo : Confessioni di un pubblicitario
Autore : David Ogilvy
Casa editrice: Lupetti Editori di comunicazione srl

Attilio Chiarella







Inserisci un commento

Nome

Commento

Inserisci commento


Invia a un amico

Invia questo messaggio a

Il tuo indirizzo e-mail

Messaggio (opzionale)

Invia