Blog

Indietro

Valutazione di una newsletter

scritto il 08/05/2012

Quando l'invio di una newsletter è da considerarsi soddisfacente? Le prime volte che mi sono messo a valutare le statistiche degli invii ho effettuato delle ricerche per capire qual'era il numero di aperture di un'e-mail necessarie da raggiungere ma con il tempo ho capito che quello che avevo trovato non era sempre vero.

La valutazione dell'e-mail marketing infatti è molto soggettiva e bisogna sempre tenere in mente l'obiettivo che si ha.
Alcuni clienti sono molto soddisfatti di un'alta percentuale di aperture del messaggio, altri lo sono solo dei click che portano visite al sito e visibilità ai prodotti che pubblicizziamo, altri ancora sono soddisfatti solo se il cliente li contatta e acquista i propri prodotti.

L'importante, come dicevo prima, è avere sempre un obiettivo perchè in base a questo potremo creare l'e-mail che garantisce le migliori possibilità di successo.
Se il nostro obiettivo è di vendere un prodotto, una dem che lo pubblicizzi in maniera efficace e accattivante sarà la soluzione ideale e dovremo badare soprattutto a verificare quanti utenti cliccano i dettagli dell'oggetto della nostra vendita.
Se il nostro obiettivo è di fidelizzare la nostra clientela, la soluzione più appropriata sarà una newsletter dove inserire notizie e approfondimenti sulla nostra attività e sarà più importante sapere quanti utenti decidono di aprire la nostra e-mail. Quanti è impossibile dirlo perchè dipende da molti fattori: dall'obiettivo come detto in precedenza ma anche dal numero di utenti iscritti e dalla qualità della lista.

Una newsletter dovrebbe essere aperta come minimo dal 20% degli utenti, ma noi abbiamo sempre fatto di meglio.

Massimo Boero


newsl, dem, e-mail marketing, statistiche






Inserisci un commento

Nome

Commento

Inserisci commento


Invia a un amico

Invia questo messaggio a

Il tuo indirizzo e-mail

Messaggio (opzionale)

Invia